Nove milioni di italiani vivono in aree contaminate da diossine e altri inquinanti, la denuncia dei geologi


Roma, 21 nov. - (Adnkronos) - "Nove milioni di cittadini italiani vivono" immersi nei 'veleni', "in aree contaminate da diossine, idrocarburi policiclici aromatici, metalli pesanti, solventi organo clorurati e policlorobifenili (Pcb)". A rivelarlo all'Adnkronos è il geologo Francesco Russo, vice Presidente dell'Ordine dei Geologi della Campania, indicando in "ben 57 i siti di interesse nazionale (Sin) coinvolti, in generale zone industriali dismesse, aree in cui l'attività industriale è ancora attiva, porti, ex miniere, cave, discariche non conformi alla legislazione, discariche abusive" che coinvolgo "il 3% del territorio nazionale".

............
"Sicuramente devono essere prese decisioni coraggiose ed impopolari: la fine della gestione emergenziale, un Piano Nazionale per le bonifiche dei Sin che miri a investimenti legati ad efficienza e sostenibilità, certezza sulle risorse finanziarie da parte del governo e soprattutto -conclude Russo- un alleggerimento degli iter procedurali degli organi di controllo locali, che troppo spesso rappresentano un vero ostacolo all'avvio delle attività di bonifica".

Inchiesta Rainews24, le navi ed i loro rifiuti affondati al largo del gargano


parte 1


parte 2


parte 3
Pin It button on image hover