Su mille euro di spesa 191 se ne vanno per i trasporti, combustibili ed energia, mentre per fare la spesa ne servono 190

Negli ultimi dodici mesi i prezzi sono aumentati del 2,8%: era dal 2008 che non accadeva. A crescere di più, con rincari a due cifre, sono stati i carburanti. Un po’ per la crescita dei prezzi della materia prima, il greggio, parecchio per effetto degli aumenti di accise e Iva. Il risultato è sconfortante: ogni 1.000 euro di spesa per le famiglie italiane, ben 191 se ne andranno in trasporti, combustibili ed energia elettrica e 190 in alimentari e bevande. Dunque, come segnala la Coldiretti, l’organizzazione più rappresentativa del settore agricolo, nell’anno che è appena iniziato il costo dell’energia sorpasserà quello del cibo. Nel 2011, però, i prezzi degli alimentari sono saliti del 2,4%, dunque meno dell’inflazione, mentre nel solo mese di dicembre il «fresco», come l’ortofrutta e le carni, sono addirittura scesi dello 0,2%. Ancora una volta i produttori, come fa sapere Confagricoltura, hanno assorbito buona parte dei rincari, visto «il forte incremento tendenziale dei prodotti energetici, saliti nel 2011 dell’11,3%».



...continua  Attilio Barbieri


Pin It button on image hover