ACTA: la nuova minaccia a internet

La settimana scorsa 3 milioni di noi sono riusciti a respingere l'attacco americano a internet! Ma ora c'è una minaccia persino più grave, e il nostro movimento globale per la libertà di internet è l'arma migliore per annientarla.


ACTA, un trattato mondiale, darebbe il potere alle multinazionali di censurare internet. Dopo che è stato negoziato in segreto da un manipolo di paesi ricchi e poteri forti, ora potrebbe mettere in piedi un organismo nell'ombra per combattere le contraffazioni e che permetterebbe a interessi organizzati di controllare tutto quello che facciamo su internet, imponendo sanzioni che prevedono addirittura il carcere contro chi metterebbe in pericolo i loro affari.

500.000 firme:

http://www.avaaz.org/it/stop_acta/?vl

La scorsa settimana abbiamo visto in concreto la forza del nostro potere collettivo: quando milioni di noi hanno unito le forze per fermare gli Stati Uniti dall'adottare la legge sulla censura a internet, che avrebbe trafitto il cuore della rete. Abbiamo anche dimostrato al mondo quanto possono essere potenti le nostre voci. Uniamole ancora una volta per contrastare questo nuovo pericolo.

Con speranza e determinazione,

Dalia, Alice, Pascal, Emma, Ricken, Maria Paz e il resto del team di Avaaz

Più informazioni:

Pirateria, l'Unione europea firma ACTA: "Bavaglio al web e alla ricerca medica"
http://www.repubblica.it/tecnologia/2012/01/26/news/pirateria_acta-28803676/

La Polonia marcia per il web libero: in 10.000 contro ACTA
http://www.giornalettismo.com/archives/193127/la-polonia-che-marcia-per-il-web-libero/

ACTA, inizia un'altra battaglia per la Rete
http://daily.wired.it/news/internet/2012/01/26/acta-censura-internet-copyright-sopa-16742.html

Accordi segreti minacciano la libertà di espressione (e non solo)
http://www.valigiablu.it/doc/607/accordi-segreti-con-le-multinazionali-minacciano-la-libert-di-espressione-e-non-solo.htm

Costruire con le proprie mani: paglia, terra cruda, progettazione con la permacultura


Per chi è appassionato di edilizia e ha sempre sognato di costruire da solo la propria casa, l’azienda agricola veneta La Boa propone una serie di diversi e particolari corsi.
Il loro obiettivo è insegnare ad utilizzare le balle di paglia, intonacare o fare i pavimenti con la terra cruda, nonché a fare progettazione con la permacultura  ... continua marraiafura.com

I pusher spacciano sul web Una pagina criptata offre cocaina, eroina e mitra. Ma risalire ai responsabili è un’impresa. Su "Silk road" si incontrano venditori e acquirenti

WASHINGTON - Su internet si può acquistare ormai di tutto, droga compresa. Non che si tratti di una grandissima novità, ma quello che permette di fare Silk Road in collaborazione con i bitcoin è qualcosa di assolutamente rivoluzionario.


Mercato della droga - Per capire di cosa stiamo parlando, bisognerebbe andare leggermente indietro nel tempo e cioè a febbraio, quando con il nome di Silk Road è comparso sul web un sito che può essere a buon diritto definito "il mercato nero della droga online". In America c'è addirittura chi lo paragona all'Amazon della droga e forse questo rende ancora meglio l'idea di quanto sia grosso l'affare. In ogni caso, pur essendo un supermarket, riuscire ad accedervi è molto più difficile rispetto ad esempio, proprio ad Amazon: per accedervi occorre scaricare un programmino che si chiama TOR (che ha la fondamentale caratteristica di non permettere la tracciabilità dei suoi utenti).   ... continua net1news.org
http://www.facebook.com/pages/Bitcoin-la-moneta-elettronica/226604020699879

Quando un uomo con un euro incontra un uomo con un’agenzia di rating

I giudizi delle agenzie di rating sono di nuovo sulle prime pagine dei giornali, con le più o meno buffe reazioni che anche questa volta ne sono seguite.
L’Italia, come altri Paesi dell’area euro, ha subito un nuovo taglio del rating, e adesso è BBB+ secondo S&P.
Vi rammento per l’ennesima volta che il rating esprime una probabilità di default: il rating BBB+ non fa dei BTP dei junk bond, perché è ancora un rating che determina strumenti di investimento, tuttavia secondo Standard&Poors il default dell’Italia è meno improbabile.

Le motivazioni di questa riduzione del rating sono interessanti perché c’è stato un interessante salto di livello: l’eventuale insolvenza dell’Italia potrebbe arrivare non più per ragioni di mala gestione interna, ma per un contesto generale di scollamento tra Paesi periferici e Paesi core all’interno dell’eurozona che accelererebbe un avvitamento finanziario.
Le conseguenze immediate di questo taglio di rating saranno: alcune vendite automatiche su BTP, specie i più lunghi, evidentemente scatteranno. A breve giro di posta arriveranno i tagli di rating delle banche di quei Paesi colpiti dal downrating. Con il solito effetto a palla di neve che si è già visto molte volte in passato e che ogni volta sembra nuovo.


continua su bimboalieno.altervista.org

Per chi non avesse colto la citazione cinematografica…

L’FMI PREVEDE UN CALO DELLA CRESCITA MONDIALE - IL DEBITO DELLA GRAN BRETAGNA RAGGIUNGE IL TRILIONE DI STERLINE - ONDATA ISLAMICA AL PARLAMENTO EGIZIANO - SARKOZY PENSA GIÀ ALLA SCONFITTA - GOOGLE TRACCERÀ GLI UTENTI ATTRAVERSO TUTTI I SUOI SITI - GB: L’ARCIVESCOVO ATTACCA GLI UOMINI DI CHIESA CHE SI OPPONGONO ALLA RIFORMA DEL WELFARE - LA MAGGIOR PARTE DEGLI OMOSESSUALI VOTA SEMPRE A SINISTRA - MICK JAGGER SI INFURIA CON CAMERON


1 - THE NEW YORK TIMES - A destra, "Obama fissa l'obiettivo di costruire un'economia per il lungo periodo" - Al centro, "Secondo le accuse, una banda di poliziotti perseguitava i Latinoamericani" - In basso, "La crisi economica si aggiunge ai pericoli del nuovo assetto politico dell'Egitto"

2 - THE WASHINGTON POST - A destra, "Obama: la nazione deve affrontare le disuguaglianze", "Il presidente chiede aiuto ai ricchi" - A sinistra, "Google traccerà gli utenti attraverso tutti i suoi siti" - In basso, "In Libia cresce l'agitazione" - "L'Fmi teme che la crisi europea crei il rischio di una grave recessione"  ... continua dagospia.com

Manager e banchieri, gli stipendi d'oro Dai 40 milioni di Profumo a 1,5 di Malacarne. Stretta sulla trasparenza: da quest'anno in vigore le nuove misure Consob


La polemica sulla bolla degli stipendi d'oro dei manager è uno di quegli argomenti ciclici che anche in Italia tende ad accendere gli animi per poi scomparire dalle agende fino al nuovo giro di boa. La prossima, peraltro, si avvicina: le società quotate hanno l'obbligo di comunicare le politiche di remunerazione dei vertici nei bilanci e così tra marzo e inizio aprile, con la pubblicazione dei bilanci 2011, si alzerà il sipario su emolumenti e premi dell'anno appena chiuso. Rispetto alla classifica 2010, quella degli ultimi dati disponibili, le novità non mancheranno.   ... continua  @massimosideri Massimo Sideri

Mercati - materie prima - Corrono cereali e cacao, giù l'oro


Lo stallo nei negoziati per il salvataggio della Grecia ha creato delusione sui mercati, provocando vendite anche tra le materie prime. Le incertezze dei listini azionari si sono accompagnate a un calo – sia pur lieve – delle quotazioni del petrolio, con il Brent a 110,03 $/barile (-0,3%).
Anche i metalli preziosi e molti non ferrosi hanno fatto un passo indietro, anche se all'Lme piombo e zinco hanno chiuso in deciso rialzo. Voci sulla possibilità che Russia e Argentina introducano dazi sull'export hanno spinto del 2,2% il frumento e dell'1,7% il mais al Cbot.   ... continua  Cristina D'Amicis (Giugno 2007)

Silvio Berlusconi mette in vendita le sue ville ad Antigua


Ci stava provando da anni, ma ora è arrivato il momento di chiudere la questione. Silvio Berlusconi ha deciso di vendere le sue ville ad Antigua, quelle finite nell’occhio del ciclone dopo l’inchiesta di Report e su cui ancora ci sono aspetti da chiarire, tra movimenti di soldi e paradisi fiscali. Per riuscire nel suo intento l’ex premier aveva già chiesto nel 2010 l’aiuto di Ennio Doris, il presidente di Mediobanca. Per farlo si girò anche un video, a cura di Mediolanum Comunicazione  ... continua haisentito.it

Inchiesta giornalistica: Berlusconi e le ville ad Antigua.
17 ott 2010 - Paolo Mondani, giornalista del "team" della Gabanelli:


Canapa, alternativa energetica, alimentazione, carta, edilizia, fibra tessile, medicina:1000 usi per un’agricoltura


Canapa. Una confusione “voluta” l’ha lasciata per decenni nel dimenticatoio. Oggi è tempo di riscoprire una coltura che si presta a mille usi, dall’industria tessile a quello alimentare
La canapa è una specie di millenario miracolo alimentare, medicinale, tessile, edile, energetico. Potrebbe essere la regina della riconversione ecologica dell’economia.   ... continua altreconomia.it

Nove milioni di italiani vivono in aree contaminate da diossine e altri inquinanti, la denuncia dei geologi


Roma, 21 nov. - (Adnkronos) - "Nove milioni di cittadini italiani vivono" immersi nei 'veleni', "in aree contaminate da diossine, idrocarburi policiclici aromatici, metalli pesanti, solventi organo clorurati e policlorobifenili (Pcb)". A rivelarlo all'Adnkronos è il geologo Francesco Russo, vice Presidente dell'Ordine dei Geologi della Campania, indicando in "ben 57 i siti di interesse nazionale (Sin) coinvolti, in generale zone industriali dismesse, aree in cui l'attività industriale è ancora attiva, porti, ex miniere, cave, discariche non conformi alla legislazione, discariche abusive" che coinvolgo "il 3% del territorio nazionale".

............
"Sicuramente devono essere prese decisioni coraggiose ed impopolari: la fine della gestione emergenziale, un Piano Nazionale per le bonifiche dei Sin che miri a investimenti legati ad efficienza e sostenibilità, certezza sulle risorse finanziarie da parte del governo e soprattutto -conclude Russo- un alleggerimento degli iter procedurali degli organi di controllo locali, che troppo spesso rappresentano un vero ostacolo all'avvio delle attività di bonifica".

Inchiesta Rainews24, le navi ed i loro rifiuti affondati al largo del gargano

Megaupload ha un erede: Anonyupload; si candida a raccogliere l'eredità di Megaupload promettendo totale anonimato tramite l'utilizzo di server russi: l'esordio il 25 gennaio


Megaupload sembra avere un erede ufficiale in arrivo. La candidatura è stata avanzata dagli Anonymous ed il progetto prenderà il via il 25 gennaio sotto il nome di Anonyupload.com. Trattasi di un progetto in fase del tutto embrionale: manca tutto, ma non manca la determinazione. Il sito mette nero su bianco le proprie intenzioni e le proprie strategie, ma ad oggi non fa altro che chiedere donazioni.  ... continua @Anonymous su Twitter

Anonymous, pubblicati i dati del capo dell’FBI Gli Anonymous attaccano l'FBI pubblicando online i dati personali del capo del Bureau, della moglie e della figlia: email, indirizzi e numeri di telefono


La vendetta degli Anonymous raggiunge una nuova puntata nelle ultime ore, quando è lo stesso “ufficio stampa” della Legione a far sapere di aver messo a segno un nuovo scacco matto nei confronti di chi nelle ore precedenti ha affondato Megaupload. Ed è in questo caso un attacco estremamente forte e simbolico: gli Anonymous avrebbero pubblicato in rete i dati personali del capo dell’FBI, Robert Muller.
La notizia ha iniziato a trapelare in queste ore e la conferma giunge dello stesso team degli Anonymous via Twitter.  ... continua webnews.it

Megaupload, così hanno arrestato Kim Dotcom: numero uno dell'impero Megaupload, è stato arrestato in Nuova Zelanda con tanto di elicottero per sorvegliare un'eventuale tentativo di fuga.


Kim Dotcom, aka Kim Schmitz, è stato arrestato in Nuova Zelanda (nei pressi di Auckland) la notte prima del suo 38esimo compleanno: titolare della totalità del sito Megavideo e della maggioranza assoluta dell’impero Megaupload, Kim Dotcom era nel mirino degli inquirenti ormai da tempo, fin da quando è stato noto il suo coinvolgimento in uno dei siti più discussi e noti della rete. Quel che non era semplice era però trovare una incriminazione chiara, che consentisse di arrivare ad un arresto che ponesse fine al nemico numero uno dell’industria di Hollywood.   ... continua
reuters.com
webnews.it






“Uccidere Obama è un’opzione”: la proposta choc di un quotidiano USA




L’articolo firmato dal direttore del giornale vuole analizzare le carte in mano di Israele per tutelare la sicurezza e la sopravvivenza dello stesso stato. La prima è attaccare Hezbollah e Hamas, la seconda è la “distruzione a ogni costo degli impianti nucleari in Iran. Terza: assassinare Obama“.
Il “sacrificio” del presidente americano si spiega con la sua posizione nei confronti di Israele che lo rende agli occhi del direttore del quotidiano “un nemico giurato” dello stato. La sua morte, continua Adler, potrebbe fermare un eventuale sterminio dei sette milioni di Israele in caso di attacco da parte dei paesi arabi, Iran su tutti.


  ... continua haisentito.it

Bertolaso: ‘Il Costa Concordia si poteva salvare con una app da due Euro’

L’Italia è un paese dove c’è sempre qualcuno che è disposto a dire, “Io avrei fatto meglio di così”, e questo succede anche quando la storia personale dice l’esatto contrario. E’ accaduto pure con la tragedia del Costa Concordia, a sentirsi in dovere di intervenire sulla faccenda è stato Guido Bertolaso che è stato responsabile della Protezione Civile.

Bertolaso fa un’accurata ricostruzione della nottata che ha portato all’affondamento con tanto di analisi sulla rotta e sulle procedure che si potevano lanciare per salvare la nave e soprattutto i passeggeri.   ... continua haisentito.it


Calzature biodegradabili, non si buttano si piantano


Mentre a Milano si susseguono le sfilate di moda, l' ultima vera novità in fatto di calzature proviene dalla Oat, un'azienda olandese, che dopo due anni di ricerche stà per mettere in commercio un tipo di calzatura completamente biodegradabile, contenente semi in grado di germogliare.  ... continua mondoverde.myblog.it


Forum Bcfn, accesso al cibo e sprechi, longevita’ e salute Una sola Terra non basta, sfruttiamo risorse di 1,3 pianeti

L'umanita', secondo il Global Footprint Network, utilizza le risorse di 1,3 pianeti ogni anno: sono pertanto necessari un anno e quattro mesi per rigenerare quello che viene consumato oggi. Un consumo globale che cresce: entro il 2030 bruceremo risorse di due pianeti. In questo contesto l'alimentazione può giocare un ruolo chiave per il futuro del pianeta e per tutte le principali sfide del prossimo secolo, dall'accesso al cibo alla longevita' in salute, dall'emergenza obesita' alla battaglia contro la malnutrizione, dalla ricerca sulle biotecnologie alla salvaguardia del pianeta. Questi temi saranno al centro del terzo International Forum on Food e Nutrition, l'appuntamento internazionale che mette a confronto i piu' importanti esperti e opinion leader mondiali sui temi inerenti alimentazione e nutrizione.


Giornata nazionale bioetanolo, benzina dai campi italiani Da scarti agricoltura potenziali 4,5 mln tonn. carburante verde

VERONA, - Sui campi italiani ci sono 18 milioni di tonnellate all'anno di scarti della produzione agricola che potrebbero essere convertiti in bioetanolo di seconda generazione. Si parla di 4,5 milioni di tonnellate sul totale dei 10 milioni di benzina consumata annualmente nel Paese. Il dato emerge dalla giornata nazionale del bioetanolo organizzata dal gruppo Mossi & Ghisolfi, in collaborazione con l'universita' di Firenze e Veronafiere nell'ambito del XIX simposio internazionale dello sviluppo del biofuel.

  ... continua ansa.it

Anonymous: da ieri in corso il più grande attacco informatico della storia


Da ieri, giovedì 19 gennaio è in corso il più grande attacco informatico della storia da parte dei "legionari" Anonymous verso le principali istituzioni americane e le multinazionali dell'intrattenimento made USA.
Tutto è iniziato con la chiusura, da parte del F.B.I., di Megaupload e Megavideo, a detta di molti, le più grandi biblioteche online del mondo.
Da ieri milioni di GB sono andati persi per sempre. Questo è stato possibile grazie a 2 proposte di legge del governo americano sulla pirateria informatica ed a farne le spese sono stati milioni di utenti che, legalmente, usavano questo servizio. Le proposte di legge in questione prendono il nome di SOPA e PIPA (link a wikipedia).

I siti interessati dall'attacco sono in continuo aumento, a farne le spese ad ora sono stati:

Justice.gov - il sito della Casa Bianca
FBI.gov - non occore aggiungere altro
RIAA.com - la SIAE americana
Copyright.gov - il sito americani sulla tutela del copyright
WMG.com - Warner Music
Universalmusic.com - Universal

L'attacco è avvenuto in massa usando come mezzo di coordinamento Twitter, dove i trends più seguiti sono appunto: #MegaUpload, #StopSOPA, #anonymous ed in Italia #primaguerradigitale.

I numeri dell'attacco sono riportati nel sito sopastrike.com:

- 10.000.000 sottoscrizioni alla petizione online che chiede di fermare questa legge bavaglio;
- più di 3.000.000 di email inviate contenenti lo script che ha mandato in tilt il sitema;
- 115.000 siti hanno partecipato allo "Strike".

Di seguito il comunicato di Anonymous tradotto in italiano (da corriere.it)


Cittadini degli Stati Uniti d’America, siamo Anonymous.

Questo è un urgente richiamo d’allerta per tutte le persone degli Stati Uniti. Il giorno che tutti noi stavamo aspettando è purtroppo giunto. Gli Stati Uniti stanno censurando Internet. La nostra evidente risposta è che non rimarremo seduti mentre ci vengono portati via i nostri diritti da un governo al quale affidiamo la loro stessa tutela.
  ... continua 
nocensura.com

L'Amazzonia si sta trasformando, ormai a rischio collasso; 'Attacchi' umani non piu' ammortizzati dalla foresta


Le capacita' di resistenza del 'polmone' della Terra sta arrivando al limite. E' quanto emerge da una rassegna pubblicata sul Nature e curata da esperti internazionali che analizzano le trasformazioni in atto nel bacino dell'Amazzonia: i sintomi fanno pensare che gli 'attacchi' umani, fino ad ora 'ammortizzati' naturalmente dalla foresta, stiano piegando pericolosamente le resistenze  ... continua ansa.it

Spagna, il processo al giudice Garzon è un colpo ai diritti umani


Il 24 gennaio il giudice Baltasar Garzón affronterà il processo di fronte alla Corte suprema spagnola, per aver abusato dei suoi poteri nella conduzione di un'inchiesta sui crimini di diritto internazionale commessi durante la Guerra civile del 1936-1939 e nei successivi decenni di dittatura del generale Francisco Franco. Se giudicato colpevole, il giudice Garzón potrebbe essere interdetto per 20 anni e tanto la sua carriera quanto l'inchiesta sui crimini della dittatura vedrebbero la parola fine.
  ... continua amnesty.it

Celle Solari 3D: 500 volte l’Efficienza delle tradizionali celle fotovoltaiche. Ecco William Yuan: Come inventare una rivoluzione di mercato a 12 anni. E il prossimo passo? Renderle commerciabili


Una nuova invenzione potrebbe rivoluzionare il mercato dell’energia solare ed è stata presentata da un ragazzo di 12 anni di Beaverton, USA. Nonostante la sua età, William Yuan [Guarda L'intervista Video] ha già studiato la fusione nucleare e diversi tipi di nanotecnologie ed è sulla buona strada per far fare un salto alle tecnologie solari con le sue celle fotovoltaiche 3D


William Yuan Bio – Documento in PDF

  ... continua genitronsviluppo.com

Usa: una guerra globale per azzerare i conti della crisi?

"La fiaba di un Obama refrattario di fronte al militarismo israeliano? Errore: dietro la maschera del sorriso, il presidente americano spinge per la guerra planetaria e si prepara a farla digerire al suo popolo". Gli Usa vogliono una "guerra globale, per azzerare i conti della crisi"?


Minacce, sanzioni economiche, test missilistici e manovre navali nel Golfo. Il palcoscenico della guerra è sotto gli occhi di tutti, ma quello che conta procede sottotraccia, da Washington a Tel Aviv. Obama ha firmato una legge straordinaria contro il dissenso, che consente la “detenzione a tempo indeterminato” di cittadini americani. E intanto sta trasformando Israele nella base di lancio per l’attacco contro l’Iran. In agenda, le grandiose esercitazioni congiunte della primavera 2012.  ... continua Giorgio Cattaneo

Arresto di Cosentino, ecco le carte del Tribunale di Napoli, il pensiero di Saviano


Concorso esterno in associazione camorristica, ecco le carte del Tribunale del riesame di Napoli che confermano la richiesta di arresto dell’ex sottosegretario all’economia Nicola Cosentino, coordinatore regionale del Pdl in Campania. Martedì la giunta per le autorizzazioni a procedere ha votato a favore. oggi in aula a Montecitorio la Lega voterà a favore dell’autorizzazione a procedere. Ma dopo l’annuncio di Maroni, è arrivato il dietrofront di Bossi: “Nelle carte non c’è nulla, libertà di coscienza”.

cosentino-le-carte-del-riesame1

cosentino-le-carte-del-riesame-2

cosentino-le-carte-del-riesame-3


Il punto di vista su Nicola Cosentino di Saviano: "Fumus Persecutionis" o " Fumus Boni Iuris"?




Intervista al giornalista Gigi Di Fiore: "Ecco chi è Nicola Cosentino"

Iran: assassinato un altro tecnico nucleare

www.greenreport.it
Accuse contro i servizi segreti israeliani, britannici ed Usa
Cina: «Guerra in Iran disastrosa per l’economia mondiale»


Una bomba scoppiata oggi alle 8.30 (ora di Teheran) nella capitale iraniana ha ucciso due persona e ne ha ferito gravemente un'altra. Secondo l'agenzia Fars news, «La dinamica dell'attentato è la stessa di quelli dell'anno scorso che hanno colpito scienziati nucleari iraniani. Una moto ha attaccato ad un'auto una bomba adesiva allontanandosi in fretta».


I NUOVI ANNI DI PIOMBO? La recessione genera reazione

In Italia stiamo assistendo ad avvenimenti unici, nella loro complessità, ed esageramene esasperati di fronte ad un problema, che seppur grave, non doveva essere affrontato con la violenza che invece si sta largamente adoperando.


Mi riferisco alle misure di carattere economico prese dal governo Monti, che ribadisco ora e sempre non riconosco perché non nato dalla volontà popolare, non vidimato da regolari elezioni, che mi da l’impressione di voler ammazzare una mosca a cannonate.
Certo, la situazione economica europea è molto traballante, più volte ho cercato di analizzarne le cause e spero di essere riuscito ad esprimermi con sufficiente chiarezza, ma altri paesi ne hanno fatto le spese e dovuto sopportare le conseguenze, eppure nessuno di questi paesi ha deciso di massacrare i propri cittadini, nessuno ha deciso di affamarli  ... continua Luigi Orsino






restaurant_468x60.gif

Come dare dignità al nostro futuro


Da quando siamo rinchiusi come morti viventi nella recessione, è soprattutto sulle sciagure passate che riflettiamo, illuminati da economisti e raramente purtroppo da storici. È un rammemorare prezioso, perché delle depressioni di ieri apprendiamo i tempi lunghi, gli errori, gli esiti politici fatali, specie nella prima metà del secolo scorso.   ... continua (11 gennaio 2012)

Guantánamo 2002-2012: "Un decennio di danni ai diritti umani", afferma un rapporto di Amnesty International


La mancata chiusura del centro di detenzione di Guantánamo da parte del governo degli Usa sta lasciando un'eredità velenosa ai diritti umani. Lo ha dichiarato oggi Amnesty International, pubblicando il rapporto "Guantánamo: un decennio di danni ai diritti umani", in coincidenza col decimo anniversario del trasferimento dei primi detenuti.

Il rapporto di Amnesty International mette in luce il trattamento illegale subito dai detenuti di Guantánamo e spiega le ragioni per cui il centro di detenzione continua a rappresentare un attacco ai diritti umani.  ... continua amnesty.it

Camp X-Ray, Guantánamo Bay, 2002 © US DoD

Benzina alle stelle, metano nella stalla Non è solo un problema politico


http://solovignette.files.wordpress.com/2012/03/benzina-alle-stelle.jpg
C'è una cosa paradossale che si nota in questi giorni. Mentre tutti i giornali sono impegnati a riempire le pagine di dati allarmanti sulla benzina che ha raggiunto la cifra record di 1,8 euro a litro, frutto anche delle addizionali regionali che a macchia di leopardo hanno martoriato gli automobilisti già mazzolati dalla manovra di fine anno, nessuno mette l'accento sulla grande opportunità che ha oggi l'Italia, e se vogliamo la Fiat, per attuare quella riconversione ecologica della mobilità che si chiama metano.   ... continua Diego Barsotti

Darwin non piace al governo turco: censurati i siti internet sull’evoluzione (e molto altro)


Charles Darwin non era certo amato dai capi e dai ministri delle confessioni cristiane, ma cercò di conciliare le sue scoperte, le sue osservazioni scientifiche e poi la sua teoria dell'evoluzione e dell'origine degli esseri umani con la sua fede. Altrettanto non sono disposti a fare gli integralisti cristiani e quelli musulmani, nemmeno nella Turchia del "moderato" governo islamico che dal 22 novembre ha istituito un nuovo "Internet Sicuro", un sistema di filtraggio dei siti "scandalosi". La versione in gran parte non filtrata di Internet è ancora disponibile per la popolazione adulta, ma il nuovo sistema offre due filtri che prima non esistevano: un "Child Profile" ed un "Family Profile". Qualche settimana fa, Bianet, il sito turco di informazione in rete dell'Alternatif Bilisim Dernegi (Associazione per l'informatica alternativa), ha scoperto che «L'accesso è negato a tutti i siti internet riguardanti l'evoluzione  ... continua greenreport.it

La polizia indiana coinvolta nei "safari umani" nelle isole Andamane


Il quotidiano britannico The Observer ha pubblicato il 7 gennaio un'inchiesta "Andaman Islands tribe threatened by lure of mass tourism" che porta le prove della denunce di Survival International e di alcune Ong locali (riportate da greenreport.it) sui "safari umani" organizzati nelle Isole Andamane, un territorio dell'India, che rischiano di mettere a rischio l'etnia Jarawa a causa delle malattie, predazione sessuale e sfruttamento da parte di gruppi di turisti che penetrano nella loro foresta attraverso una strada realizzata illegalmente.

I "safari umani" alla ricerca dei "primitivi" Jareava sarebbero organizzati, a suon di "bustarelle" da uomini della polizia indiana.  ... continua


L'Observer pubblica un video (vedi sotto)



  ... continua greenreport.it

Allarme marea nera in Nigeria il petrolio ormai è a riva

La Shell minimizza la portata dell'incidente, ma secondo gli ambientalisti si aggrava il bilancio del guasto che lo scorso 20 dicembre ha provocato lo sversamento di almeno 40 mila barili di greggio


LAGOS - E' arrivata in prossimità delle coste nigeriane la marea nera provocata la scorsa settimana dallo sversamento di 40.000 barili di greggio dal campo petrolifero offshore di Bonga, nel Golfo di Guinea, a circa 75 miglia al largo del Delta del Niger.
L'avaria dell'impianto, di proprietà della Shell Nigeria exploration and production company (Snepco), una delle filiali della multinazionale anglo-olandese in Nigeria, sarebbe avvenuta "nel corso di operazioni di routine di trasferimento del greggio da una Floating production storage and offtake vessel (Fpso) verso una petroliera".  ... continua repubblica.it

Peter Green - Born Under A Bad Sign

Brasile, indigeni dell’Amazzonia aggrediti dai taglialegna abusivi


Un gruppo di taglialegna ha invaso la terra ancestrale di una tribù di Indiani Awá “incontattati”, ossia mai entrati in contatto con altre civiltà, e pare che un bambino sia stato bruciato vivo.

Secondo le dichiarazioni rilasciate dall’Ong brasiliana Cimi, dopo l’attacco dei taglialegna alcuni membri dei Guajajara, indigeni che vivono nella stessa area, avrebbero rinvenuto i resti carbonizzati di un bambino Awá. Uno dei Guajajara, Clovis, ha dichiarato che in passato più volte ha avvistato gli Awá impegnati a cacciare nella foresta, mentre dal giorno dell’ultimo attacco non ha più visto traccia di questo popolo. È dunque probabile che siano stati messi in fuga.   ... continua eilmensile.it

Buone notizie a tavola: vino anti-cancro, formaggio anti-depressione


Nella mia dieta detox post festività natalizie, rigorosamente fai-da-te, come sconsigliano tutti i nutrizionisti, ho appena eliminato salumi, vino e formaggio. Oggi scopro che forse sto sbagliando tutto.

Due ricerche appena pubblicate, infatti, sostengono le seguenti cose: la carenza di vitamina D (contenuta nei latticini) è legata alla depressione; un consumo moderato di vino rosso diminuisce il rischio di cancro al seno.
  ... continua marta buonadonna

La liberalizzazione tradisce i referendum

Ormai da giorni il Presidente del Consiglio Monti e i suoi ministri parlano di privatizzazioni alludendo anche ad un intervento sul servizio idrico. Ultimi in ordine di tempo il sottosegretario Polillo secondo cui il referendum è stato “un mezzo imbroglio” e il sottosegretario Catricalà che ha annunciato “modifiche che non vadano contro il voto referendario” alla gestione dell'acqua.

Diciamo chiaramente a Monti, Passera, Catricalà e Polillo che non esiste nessuna liberalizzazione del servizio idrico che rispetti il voto referendario: il 12 e 13 giugno scorsi gli italiani hanno scelto in massa per la gestione pubblica dell'acqua e per la fuoriuscita degli interessi privati dal servizio idrico.
....




  ... continua Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua

Proposta liberale per la convivenza di culture diverse


Chandran Kukathas è persona cortese, affabile, mai interessata ad alzare barriere ed enfatizzare distanze. Cresciuto a Ceylon in una famiglia della minoranza tamil e poi trasferitosi in Australia, insegna filosofia politica all'università di Oxford. Portato al dialogo più che al conflitto, ha elaborato una teoria libertaria originale grazie anche a un continuo confronto con amici e colleghi di orientamento più mainstream: da Will Kymplicka a Brian Barry, per limitarsi a due studiosi radicati in quella linea di pensiero che ha avuto in John Rawls l'espressione più significativa.  ... continua Carlo Lottieri

Il sanguinario regime siriano sta torturando i manifestanti

Cari amici,




Un nuovo report di Avaaz rivela che il sanguinario regime siriano sta torturando i manifestanti, strappando loro via unghie di mani e piedi e facendo loro l'elettroshock. Possiamo spingere l'ONU a deferire il dittatore siriano Assad alla Corte penale internazionale e processarlo per crimini contro l'umanità. Costruiamo un appello globale da record:

E' difficile da raccontare  ... continua Articolo su Reuters

E’ un’emergenza: la Banca del Germoplasma di Bari è ad altissimo rischio! I semi di 84.000 campioni di piante agrarie ed affini d’inestimabile valore stanno morendo; oltre la canapa


Banca del Germoplasma di Bari
La Banca del Germoplasma del CNR di Bari, fondata nel 1970, si trova in una condizione di altissimo rischio. È l’unica in Italia, la seconda in Europa e tra le prime dieci nel mondo su un totale di 1470. Conserva 84.000 accessioni (campioni) di germoplasma, appartenenti a più di 60 generi e più di 600 specie di piante coltivate e specie selvatiche affini (parenti strette di quelle coltivate), minacciate da erosione genetica e/o estinzione. Lo scopo di questa lettera è di evidenziare l’importanza del germoplasma per l’agricoltura, l’alimentazione e l’ambiente, e conseguentemente di far comprendere perché sono nate le banche del germoplasma, perché la Banca del Germoplasma di Bari è ad altissimo rischio e perché bisogna intervenire per salvarla.


  ... continua Dottor Pietro PERRINO

Comprare Auto ad aria compressa


Auto ibride o elettriche? Dimenticatevele.
Arriva l'auto contro la quale nessun'altra, ad oggi puo' competere: l'Air Car, ideata dalla MDI francese (www.mdi.lu) e la cui licenza alla produzione in India è stata acquistata dalla casa automobilistica Tata Motors.

I costi di quest'auto ad aria compressa sono davvero contenuti: non si arriva ai 5000 euro.
L'azienda ha tuttavia sviluppato anche un mezzo ibrido che combina aria e benzina, diesel o etanolo.

Se sei interessato all’acquisto manda oggi stesso la tua manifestazione d'interesse via mail all’indirizzo autoariacompressa@gmail.com : gli iscritti riceveranno a tempo debito l’offerta che l’azienda produttrice ci avrà riservato. Solo a quel punto deciderai se far parte del Gruppo d'Acquisto e comprare l'auto a condizioni vantaggiose.





Wall Street's secret advantage: High-speed trading

They're unknown and invisible to most of us, but electronic trading programs now rule the stock markets

POSTED ON JUNE 28, 2010, AT 6:12 AM


What is high-speed trading?
It’s Wall Street’s winning edge. By harnessing massive computer power to buy and sell stocks in the blink of an eye, high-speed traders leverage tiny changes in value to make huge profits. The technique was pioneered in the early years of this decade by a hedge fund that hired astrophysicists, mathematicians, and statisticians to devise electronic trading programs. Other firms, including Goldman Sachs and Credit Suisse, quickly followed suit. Few outside the securities industry knew much about the practice until computer glitches helped cause the Dow to plummet 600 points in 15 minutes in May. But high-speed trading—also called high-frequency trading—now accounts for up to 70 percent of all trading in shares listed on the New York Stock Exchange  ... continua theweek.com

Lessons From The Brain-Damaged Investor, Unusual (By JANE SPENCER) Study Explores Links Between Emotion and Results; 'Neuroeconomics' on Wall Street


People with certain kinds of brain damage may make better investment decisions. That is the conclusion of a new study offering some compelling evidence that mixing emotion with investing can lead to bad outcomes.

By linking brain science to investment behavior, researchers concluded that people with an impaired ability to experience emotions could actually make better financial decisions than other people under certain circumstances. The research is part of a fast-growing interdisciplinary field called "neuroeconomics" that explores the role biology plays in economic decision making, by combining insights from cognitive neuroscience, psychology and economics. The study was published last month in the journal Psychological Science, and was conducted by a team of researchers from Carnegie Mellon University, the Stanford Graduate School of Business and the University of Iowa
  ... 
By JANE SPENCER | Staff Reporter of THE WALL STREET JOURNAL

How the Monsters at Goldman Sachs Caused a Greek Tragedy. Le banche creano soldi dal nulla e poi controllano nazioni intere mandadole in bancarotta.


March 4, 2010 |
Another Greek-based cargo ship and its crew was recently hijacked by Somalian pirates, costing the Greek owners an undisclosed amount in ransom.

Such ongoing acts of brazen piracy off the coast of Somalia have riveted the establishment media's attention. But the same news hawks have missed (or ignored) a much more brazen, longer-running and far larger robbery in Greece by Gucci-wearing thieves who are more sophisticated than common pirates -- but lack a pirate's moral depth.

I refer to -- who else? -- Wall Street financiers. Specifically, Goldman Sachs.

Goldman, a global financial conglomerate and America's largest banking fiefdom, is notorious in our country for its arrogant, anything-goes corporate ethic that is astonishingly avaricious, even by Wall Street's dissolute standards. The firm is villainous enough that it could be its own reality TV show, perhaps titled, "Bankers Behaving Badly." A few highlights:


-- During the past decade, Goldman's wizards were particularly inventive monkey-wrenchers, devising much of the investment gimmickry that enriched crafty Wall Streeters like them, even as it led to the wrecking of our economy.
In 2006, Goldman's CEO was considered such a whiz that he was elevated to treasury secretary and soon was handed the task of fixing the very economic mess he had helped create. His "fix" was the cockamamie, self-serving, multitrillion-dollar taxpayer bailout that did save Wall Street ... but has left our economy in shambles
... continua 
alternet.org



Argentina, esperimenti su bimbi poveri, muoiono in 14


La giustizia argentina ha confermato martedì scorso di aver imposto una multa di un milione di pesos (circa 180.000 euro) al laboratorio Usa GlaxoSmithKline (GSK) e a due suoi medici per gli esperimenti clinici effettuati su bambini sotto i cinque anni di famiglie povere, tra il 2007 ed il 2008, in tre città del nord ovest del Paese, di cui quattordici sono deceduti.



In alcuni campi, sui deportati vennero eseguiti “esperimenti” di (presunto) carattere scientifico, in qualche caso col fine (dichiarato) di verificare la resistenza umana in condizioni estreme (freddo, bassa pressione, ustioni, ecc.), in altri casi (anche su bambini e su feti) con obiettivi non riconducibili ad altro che alla perversione degli operatori medici.

[Nella foto, esperimenti sulla resistenza al freddo]



Egitto, iniziato il primo processo per i test di verginità

https://vocidalsuq.files.wordpress.com/

Ieri mattina, sotto corte marziale al Cairo è finito (fatto raro!) non un manifestante di piazza Tahrir ma un soldato. Esattamente uno di quelli che presero parte, dieci mesi fa, a quell’osceno atto di tortura e di umiliazione dei test di verginità nei confronti di un gruppo di attiviste arrestate al Cairo, e di cui riferimmo all’epoca in questo blog.

I capi d’accusa contro il soldato, “atti indecenti in pubblico” e “disobbedienza agli ordini” non rendono bene l’idea della gravità dell’accaduto: fanno pensare piuttosto all’azione isolata di un ragazzino eccitatosi di fronte alla scena cui stava assistendo e che non dette retta al comando di allontanarsi dalla stanza in cui un “medico” eseguiva le ispezioni corporali.Il processo iniziato ieri segue di poco più di una settimana un evento ben più importante. Martedì scorso la Corte amministrativa del Cairo ha accolto il ricorso di una delle ragazze sottoposte a forza al test di verginità, Samira Ibrahim, ordinando la fine di queste pratiche all’interno delle prigioni militari.
....


... continua lepersoneeladignita.corriere.it

Le escort sbarcano su Linkedin. Con l'etichetta taroccata


Le escort sbarcano su Linkedin. Sì, il social network più professionale e serio al mondo è stato infiltrato dalle
escort. Roba da non credere...
Già, vi chiederete ora, ma che c'entrano le escort con Etichettopoli? Semplice: per potersi registrare sono state obbligate, come tutti gli utenti della community meno incline alle frivolezze che ci sia, a compilare i campi principali del loro profilo. In pratica hanno taroccato le etichette previste per la registrazione. E hanno trasformato un curriculum in un'inserzione. ... continua  Etichettopoli

Occupy 2012, disorganizzati ma guidati dai sogni


E' già stato un lungo e freddo inverno per Occupy Wall Street, il movimento di protesta alla ribalta da settembre che vuole attirare l'attenzione sull'ineguaglianza dei redditi e sull'avidità dei ricchi e potenti.
La polizia ha sgomberato gli accampamenti di Occupy a New York, Los Angels, Oakland e altre grandi città. Le temperature rigide e forse le difficoltà della protesta hanno fiaccato i pochi che continuano a vivere in una manciata di tende in tutto il paese.
....




... continua Reuters.it
Pin It button on image hover